Cos’è TikTok? Tutto sul nuovo Musical.ly

Un nuovo social si sta affermando nel mercato mondiale delle App a intenso divertimento, è TikTok il nuovo Musical.ly. La sua esplosione coglie di sorpresa un po’ tutti, visto che ormai Instagram sembrava aver raccolto il consenso definitivo dell’intrattenimento da mobile.

Per chi ancora pensasse che TikTok non sia altro che una fiammata che ha allungato la scia di successo del suo predecessore Musical.ly dovrà ricredersi, poiché questa social App ha una curva di popolarità nettamente più rapida.

Moltri dei clienti Veedoo e parte delle aziende che lavorano con noi, ci chiedono come potranno promuovere il proprio brand tramite Tik Tok. 

Come funziona Tik Tok? E’ uno strumento adatto alle promozioni? A quale target fa riferimento? A queste domande cercheremo di dare una risposta chiara e precisa cercando di cogliere la vera essenza del nuovo Musical.ly.

TikTok cos’è?

Molti di noi sono ancora sorpresi della velocità di diffusione che sta avendo TikTok tanto da sembrare uscita dal nulla. Ad Agosto 2019 i dati dicono che TikTok è stata l’App più scaricata al mondo.

In Cina, dov’è nata, si chiama Douyin, con l’acquisizione di Musical.ly, avvenuta nel 2018, tutti gli utenti congiunti, sono migrati sulla nuova piattaforma a cui è stato dato appunto il nuovo nome di TikTok.

Questa piattaforma si basa su brevi contenuti che sono caricati da utenti giovanissimi, provenienti quasi tutti da Musical.ly. I video generati si basano su un “nuovo” tipo di divertimento che si rifà al lip-sync, video musicali in playback.

Musical.ly e il TikTok cinese, si sono fusi nel 2018 utilizzando la formula di caricamento video brevi (tra i 15 e i 60 secondi). Oggi questo Social è al nono posto nella classifica dei social più scaricati al mondo, ma al primo se consideriamo il target dei giovanissimi che meglio definiremo tra un attimo.

In Italia nel 2018 aveva 2,4 milioni di utenti e ben 500 milioni nel mondo. La sua crescita impetuosa non è stata tutta rose e fiori, poiché le autorità governative americane hanno criticato e multato la compagnia cinese per aver raccolto dati sensibili degli under 13.

Il target elettivo va dai 13 ai 24 anni, ultimamente, visto il successo di audience, molte celebrity si sono affacciate a questo mondo pur non appartenendo alla pletora di Tiltoker tipicamente minorenni.

Il genere dei video è musicale ma non è più l’unico come lo era invece su Musical.ly. Oggi su TikTok si mostra il proprio talento e questo può provenire da diverse arti, come il balletto, lo sketch comico ma anche il make up artist, la moda, lo skateboard e il prank (lo scherzo).

L’allargamento verso altri generi di video ha fatto scattare il fenomeno degli influencer, ed è ciò che collega questa social App alle precedenti, per la possibilità di sfruttare il canale a fini commerciali, come fra poco vedremo.

TikTok si consuma alla velocità della luce, i video si susseguono velocissimi e gli spettatori rimangono incollati ai piccoli schermi per ore. Quest’atteggiamento passivo è diventato oggetto di attenzione al punto che è stata inserita una safety in modo da ricordare all’utente di fare delle pause o sospendere la visione dopo due ore.

Nuove modalità di fruizione hanno rinvigorito TikTok, che ora prevede un contributo anche da parte di chi vede i video. L’opzione audio e video permette di registrare le proprie reazioni durante la visione delle clip, con duo si condivide la ripresa all’interno dello stesso video, due utenti quindi possono filmarsi a vicenda.

Il divertimento è assicurato anche dall’ampia gamma di mini tool che permettono di accelerare, rallentare, modificare la musica o il suono. La condivisione con il pubblico può avvenire in via privata (si rimane nella propria cerchia di amici), oppure pubblica al pari di tutti gli altri social.

La lettura delle preferenze da parte dell’algoritmo di TikTok, fa in modo di proporre solo i video del genere amato, questo tipo di un funzionamento è divenuto ormai la prassi nel modo digitale. Rispetto a Instagram non serve essere follower di qualcuno, basta pigiare su “scopri” e i video in linea con i propri gusti, inizieranno a scivolare in verticale. Tramite l’hashtag si può indirizzare la ricerca verso determinati argomenti, non manca la possibilità di visitare i canali tematici.

Come si differenzia da Musically?

L’unione tra Musical.ly e TikTok, ha fatto sorgere una community enorme. Con TikTok, oltre ai video musicali, sono arrivati gli altri contenuti e numerose possibilità aggiuntive di abbellirli e filtrarli.

Il concetto che è cambiato è la dose di divertimento non più incentrata sulla musica, ma sulla creatività infinita di generare sorrisi. Maggiori possibilità di apparire e divertirsi hanno incrementato il pubblico.

Perché TikTok ha successo?

Non è facile capire perché un social network stia avendo un enorme successo se non si parte dalla comprensione delle caratteristiche che hanno gli altri social.

TikTok prende da YouTube le visualizzazioni e i contenuti video, la differenza sta nell’argomento unicamente divertente e soprattutto la facilità di accesso, veloce e semplice. YouTube è adatto a un pubblico maturo che cerca informazioni, spiegazioni, formazione.

Di fronte a questa necessità si sopportano le lungaggini dei pulsantini da cliccare e complicazioni di stoppare o chiudere l’App. Se l’argomento è un po’ più frivolo, TikTok è più “easy” e fa sembrare YouTube un pochino vecchio e fuori moda.

Rispetto a Facebook mantiene la promessa di conoscere aspetti privati della gente, la differenza è ancora una volta la semplicità di utilizzo questa volta, rivolta alla condivisione, ai Like e ai commenti.

Di Instagram prende il palcoscenico, stesso mood con filtri, successione di video e possibilità di “scoprire” sempre qualcosa di nuovo. Ancora una volta TikTok si propone di rinnovare il divertimento incrementando la velocità di godimento.

Da Twitter prende gli hashtag e da Snapchat il modo di pubblicare e il meccanismo le “stories”.

Si tratta quindi di un livello di esperienza aggiornata rispetto agli altri social, con la sensazione di poter ricevere qualcosa in più. In TikTok si è arrivati al punto che gli utenti hanno così tante possibilità e contenuti, da rendere difficile staccarsi.

Il tutto è condito da musica e suoni completamente assoggettati ai contenuti video. La musica di TikTok ci permette di parlare di un altro fenomeno che riguarda un’App che va per la maggiore tra i giovanissimi: Spotify per artisti. Gli utenti adolescenti sono appassionati “heavy user” di musica e TikTok la fornisce, probabilmente molti di loro possono decidere di limitare o addirittura sostituire l’utilizzo di Spotify.

Cos’è TikTok Ads?

Si può fare social marketing su TikTok? Certo che Si e il motivo è semplice, anche questo social genera i fenomeni tipici che permettono di raggiungere gruppi ben identificati di potenziali consumatori.

Gli ingredienti necessari ci sono tutti e si chiamano: Viralità, follower e influencer. Vediamo come sono sapientemente utilizzati non solo nell’ambito Ads puro.

Un brand che vuole conquistare un certo livello di visibilità presso il target dei giovanissimi, crea il proprio canale, produce contenuti adatti al social e si interfaccia con gli influencer per raggiungere una platea più vasta.

Oltre ciò, usa TikTok Ads per fare pubblicità diretta, ( come le sponsorizzate YouTube ) vediamo in dettaglio queste possibilità partendo dall’ultima.

TikTok ha una sua piattaforma per la pubblicità, da gennaio 2019 ha iniziato a visualizzare annunci in Europa e negli Stati Uniti. Siamo ancora in una fase esplorativa per cui bisogna attendersi un crescendo di novità lungo tutto il 2020.

Bisogna partire da alcuni dati:

  • Il 75% dei giovanissimi fa acquisti online
  • La generazione Z si caratterizza per la ricerca di esperienze attive e fuggono dalle esperienze di intrattenimento passivo
  • Amano condividere e parlare di se stessi

Queste caratteristiche servono a comprendere come e perché utilizzare TikTok per fare pubblicità al proprio marchio.

Come funzionano le Ads su TikTok

Vediamo quali sono le funzioni che offre TikTok in tema di pubblicità:

  • Visualizzazione a schermo intero all’apertura – La campagna pubblicitaria è visualizzata non appena si accede all’App. E’ possibile scegliere un formato video, l’immagine fissa oppure animata.
  • Campagna Feed – sempre a schermo intero la campagna feed compare per 9-15 secondi, quando si scorre il feed personale “per te”.
  • Hashtag challenge – In base all’hashtag selezionato si genera una sfida in cui i tiktoker caricano contributi video (a schermo intero). Per far si che questa campagna abbia presa, occorre lavorare con gli influencer.
  • Brand lenses – maschere personalizzabili, free-use come accade in Snapchat.

La caratteristica delle campagne Ads su TikTok è la durata minima, si parla di pochi secondi (5/8 al massimo), poiché questo genere di audience è ormai abituato ad andare in velocità e si stanca subito di un contenuto che loro giudicano prolisso se va oltre la loro soglia di attenzione.

Fare marketing con gli influencer su TikTok

Un classico della pubblicità sui social moderni è la campagna generata per mezzo dei video ideati e creati dagli stessi influencer. L’unica attenzione da avere è la selezione dell’influencer più rappresentativo possibile del brand.

La naturalezza è la chiave del successo di una campagna di marketing fatta con un influencer, ciò comporta che siano rispettate determinate regole, di seguito sintetizzate:

  • Originalità e divertimento – è un buon motivo per lasciare all’influencer il bastone del comando sui contenuti da generare.
  • Credibilità del prodotto in associazione alle caratteristiche dell’influencer.
  • Poco focus sulla qualità poiché deve essere quella che normalmente utilizza l’influencer. Un contenuto patinato stona e i follower se ne accorgono.

Consigli per usare al meglio TikTok

La strategia di marketing per arrivare a catturare l’attenzione di un pubblico così particolare, come lo sono i nati dal 1995 al 2012, la cosiddetta generazione Z, non può che partire dagli obiettivi che si pongono.

Come primo elemento imprescindibile, bisogna considerare che non tutti gli argomenti siano interessanti per questa fascia di pubblico, si può pensare al gaming, all’abbigliamento, al make up non certo agli apparecchi acustici o agli immobili per fare qualche esempio.

Quali sono gli approcci consigliati per aumentare i follower:

  • Come sempre il primo approccio è rappresentato dagli hashtag utili per essere rintracciati in associazione agli argomenti in tema.
  • Le challenge sono senza dubbio molto interessanti perché generano traffico e sono frequentate da influencer.
  • La sezione Per Te è quella più cliccata, un modo certo per farne parte è la pubblicità.

Localizzazione

Al pari degli altri social network e motori di ricerca, anche TikTok si avvale di AI (intelligenza artificale), la visione dei video è analizzata in termini di permanenza e di engagement.

I video proposti sono selezionati in base all’interesse che l’utente ha dimostrato fino a quel momento. Tra le varie possibilità di targeting, TikTok Ads mette a disposizione diversi fattori:

  • Età
  • Localizzazione
  • Genere
  • Connessione
  • Interessi
  • Comportamenti
  • Sistema operativo
  • Pixel tracking
  • Custom Audience

Le aziende possono quindi focalizzare le campagne selezionando l’area geografica e ottimizzando così il budget, ciò ha molto senso quando si parla ad esempio di catene di abbigliamento o di prodotti legati al make up e all’estetica.

TikTok è perfetta per i giovanissimi

Vale la pena ripetere un concetto poco compreso forse da chi pensa di poter entrare in TikTok nello stesso modo di come si fa con Instagram. L’età è un fattore da considerare attentamente. I giovanissimi si sono radunati in questo social non solo per divertimento e condivisione dello stesso, ma per esprimere un proprio unico modo d’essere.

L’influencer “fuori età”, proveniente da un’altra piattaforma, rischia brutte figure e l’eclissi in breve tempo, se cerca di proporsi allo stesso modo. I brand devono prestare molta attenzione al veicolo che comunica i valori del brand, pena l’essere tagliati fuori da una fetta di mercato consistente.

Come si profila su TikTok

Un’intera generazione di utenti è raggiungibile attraverso un solo canale, questa è l’importanza che ha TikTok per molte aziende che puntano proprio alla Generazione Z.

Se parliamo di generare i lead attraverso le campagne marketing su TikTok, possiamo dire che ci troviamo ancora all’anno zero.

La visibilità invece, già ora può raggiungere un pubblico segmentato attraverso alcune opzioni. Non siamo ancora ai livelli di Instagram ma ci sono tutte le potenzialità per arrivare a raggiungere gli stessi risultati.

Sebbene da una parte l’età del target sia ben individuata, con tendenza verso l’alto, dall’altra la privacy (d’obbligo nel caso dei minori), comporta attenzione e cautela da parte dei brand.

TikTok è il nuovo Instagram?

Si potrebbe pensare che TikTok sia il nuovo Instagram, poiché il motivo per cui è così popolare, dipende dai video e dal genere di contenuti. Un tempo Instagram era un photo social, oggi non lo si può più dire, il video è al centro dell’interesse di chi lo usa, proprio come accade per TikTok.

La differenza sta nel tema centrale che in Instagram è rappresentato dai personaggi, mentre per il nuovo Musical.ly, è il contenuto stesso.

Instagram sta cercando di correre ai ripari, inserendo le Clips e le opzioni di timing del video e dell’audio, bisognerà aspettare un po’ di tempo per capire come si assestano gli utenti

Conclusioni

Un nuovo fenomeno digitale si è affermato a una velocità mai vista prima. Il motivo cardine è dovuto al fatto che due precedenti social si sono riuniti in uno solo. Il dato importante è il successo dell’utilizzo dell’App TikTok che si dimostra dirompente rispetto a Instagram, suo principale concorrente.

I marketer faranno bene a portarsi avanti, trovando soluzioni originali di monetizzazione che siano in linea con un target difficile ma concentrato, con un’ottima possibilità di raggiungere numeri di visibilità, maggiori se riferiti ad altri social.