Come ottimizzare i video su Youtube Per Tag e Visualizzazioni

Guida per imparare ad ottimizzare i Tag YouTube ed aumentare Views

Chi si occupa di Video Marketing conosce bene l’importanza che hanno i Tag YouTube nel posizionamento dei video su Youtube e questa guida spiega tutto quello che c’è da sapere per riuscire a creare i tag per youtube non solo per posizionarsi bene ma anche per attirare traffico che si traduce in conversioni, visualizzazioni ed esposizione utili per il proprio business.

Realizzare un video è un processo che può essere lungo ed anche costoso, per questi motivi è necessario conoscere tutte le regole che consentono di ottimizzarlo nel miglior modo se si desidera che sia redditizio lo sforzo eseguito.

Prima di passare ad elencare i passi che si devono compiere per ottimizzare un video e relativi Tag Youtube nel miglior modo possibile vediamo perché è così utile eseguire questa operazione che consente di avere un buon posizionamento…

In tanti si domandano se passare del tempo ad ottimizzare i video su Youtube sia una strategia efficace per il proprio business. La risposta è sì, perché Youtube ha un potenziale enorme visto che è il secondo motore di ricerca più utilizzato a livello mondiale.

Non solo, considerando che Youtube appartiene a Google, vuol dire che anche i video hanno una rilevanza non indifferente sul principale motore di ricerca mondiale (Google). In sintesi, i video di Youtube vengono “aiutati” a posizionarsi da Google,  un po’ come se avessero una corsia preferenziale.

Infatti, quando si sta eseguendo una ricerca su Google, in alto, se si clicca sulla scheda “Video” si ottengono numerosi contenuti che sono stati caricati su Youtube, risultati che contengono la parola chiave inserita per la ricerca che si sta effettuando.

Inoltre, i video ritenuti rilevanti da Google, ovvero quelli che secondo gli algoritmi del motore di ricerca sono in grado di aggiungere valore vengono posizionati tra i risultati generici della SERP di Google, un altro punto che mostra l’importanza di un buon posizionamento.

Infine, l’ultimo punto che dimostra l’importanza di una buona ottimizzazione è dato dal fatto che oggi tutte le aziende più importanti sono attive su Youtube, utilizzano video a scopo pubblicitario, non acquistano visualizzazioni, ma mirano ad una comunicazione efficace che possa accresce il business.

Quindi si può affermare che chiunque si occupi di Digital Marketing non può evitare di utilizzare questo strumento che, se usato in maniera adeguata è potentissimo.

A questo punto vediamo cosa si deve fare per ottimizzare un video su Youtube…

 

1) Personalizzare il proprio canale

Il primo passo riguarda la personalizzazione del proprio canale Youtube, in pratica come avviene con un blog, che, affinché sia riconoscibile e ricordato dagli utenti deve distinguersi.

Si inizia dall’intestazione/nome del brand ed eventuali slogan che devono essere accattivanti, poi si passa all’intera home page che possibilmente deve contenere un piccolo trailer del proprio canale in cui si forniscono informazioni sulla propria persona oppure sul brand,  su cosa si vuole ottenere attraverso il proprio canale, etc.

Anche una descrizione del proprio canale è utile per fidelizzare gli utenti e per ottimizzare il proprio canale, quindi è consigliabile eseguire quest’operazione in ottica SEO, utilizzando delle keyword selezionate per cui si vuole essere trovati, ma allo stesso tempo il testo dovrà puntare anche sul lato emotivo e deve essere pertinente, ovvero descrivere quello che si sta facendo suscitando interesse e curiosità negli utenti.

 

2) Creazione delle playlist

In ogni sito web ci sono le categorie, che nei canali Youtube si traducono in playlist e rappresentano la struttura intera, quella portante del proprio canale, quindi è fondamentale creare delle playlist che contengano gli argomenti del proprio canale come accade con le categorie di un sito web.

Creando delle playlist non solo si offre una facile navigazione agli utenti, cosa che aumenta la possibilità di ottenere un ottimo posizionamento, ma si fidelizzano anche più utenti dato che creando delle sequenze di video il pubblico viene stimolato a non lasciare il canale.

In pratica, gli utenti passano più tempo sui canali che ritengono interessanti, processo che viene intercettato da Youtube e, dato che l’interesse della piattaforma è quello di offrire agli utenti contenuti di qualità, il video e l’intero canale viene posizionato meglio nei risultati di ricerca, quindi questo significa avere più traffico e più conversioni.

 

3) Mettere in evidenza i video più rilevanti

La piattaforma offre la possibilità di mettere in evidenza una playlist oppure un video, azione che consentirà a Youtube di suggerire in automatico il video in primo piano e questo spingerà il visitatore a guardare più contenuti, aumentando così il tempo di visualizzazione, azioni che aiutano il posizionamento del video e del canale.

Sotto questi video rilevanti vanno inserite le altre playlist, che vanno posizionate utilizzando keyword correlate al tema del proprio canale, mentre nel momento in cui si realizzano degli elenchi di riproduzione è fondamentale descrivere in maniera chiara i vari contenuti. Per fare delle ottime descrizioni, Il team veedoo vi consiglia di creare dei piccoli testi utilizzando delle long tails, ma anche la keyword principale per cui si desidera posizionare il video in questione.

 

4) Creare contenuti di qualità


Ormai è noto da tempo che Google (e quindi anche Youtube) tenta a favorire soprattutto i contenuti di qualità e questo vale sia per i siti web che per i video su Youtube, mentre i contenuti di bassa qualità o non pertinenti vengono penalizzati.

Su Youtube vige la regola dei 15 secondi: dato che i video preferiti dalla piattaforma sono quelli che vengono visualizzati non solo più spesso ma soprattutto più a lungo, si deve dare importanza al contenuto degli stessi ed al modo in cui iniziano, se si vuole fidelizzare l’utente e posizionarsi bene nella SERP.

 

5) Scegliere le parole chiave giuste

Ci sono vari metodi per trovare le parole chiave più ricercate su Youtube, passo importantissimo che non può essere tralasciato se si vuole ottimizzare un video su Youtube, praticamente come accade nel caso dei testi che devono essere ottimizzati per i siti web.

 

Ricapitolando, per ottimizzare un video su Youtube e aumentare le visualizzazioni si deve curare sia la parte descrittiva del canale (Homepage) che i contenuti del video e le descrizioni dello stesso, inoltre va eseguita una ricerca approfondita sulle keyword da utilizzare ed infine creare delle playlist che possono essere anche messe in evidenza (oppure si può scegliere un video da mettere in primo piano).

Curando ogni aspetto in maniera certosina si possono ottenere ottimi risultati da questa piattaforma, che si rivelano utili per qualsiasi tipo di business.